Madame Butterfly in scena al Teatro Fusco

Prenota subito il posto migliore allo spettacolo de Madame Butterfly di Giacomo Puccini il 26 e 27 marzo 

Il prossimo 26 e 27 Marzo 2022 andrà in scena Madame Butterfly di Giacomo Puccini, al Teatro Fusco di Taranto.  

Prenota subito i posti migliori acquistando l’abbonamento a tutti gli spettacoli al prezzo promozionale di soli € 48 (anziché € 70), se possiedi Carta Vip
Puoi comprare l’abbonamento anche tramite Carta del Docente o 18App!

Clicca sul seguente link ==> https://www.tarantoperafestival.it/prenota-ora/

Turno pomeridiano: ingresso ore 15.00- sipario ore 16.00
Turno serale: ingresso ore 20.00- sipario ore 21.00

L’evento si svolgerà secondo un preciso protocollo per la salvaguardia della salute e della sicurezza di tutti, nel pieno rispetto della qualità tecnico-artistica della proposta. 

MAGGIORI INFORMAZIONI AI NUMERI 3392360993 – 3477242217

Trama

L’opera si basa sul dramma “Madame Butterfly” del commediografo statunitense David Belasco, a sua volta ispirato da un racconto omonimo di John Luther Long.

I librettisti Giuseppe Giacosa e Luigi Illica cominciarono il lavoro sul libretto a partire dal 1901. Per alcune suggestioni orientaleggianti presero spunto dal romanzo di ambientazione giapponese “Madame Chrysanthème” di Pierre Loti.
 

Curiosità

La prima di Madama Butterfly ebbe luogo a Milano, il 17 febbraio 1904 al Teatro alla Scala.

Dopo i tre successi pucciniani Manon Lescaut, La Bohème e Tosca, Puccini era certo di riscuotere un certo successo, per questo scelse il polcoscenico della Scala per la sua prima.

Questa sua scelta era data probabilmente da una voglia di rivincita verso il Teatro che nel 1889 aveva bocciato il suo “Edgar”.

Purtroppo però si rivelò un fiasco. 

Ma non demorse: era fortemente convinto della validità del soggetto esotico e dal potenziale espressivo della geisha sedotta, abbandonata e suicida.  

L’insuccesso così lo spronò Puccini ad una revisione dell’opera, modificando alcune scene e dividendo l’opera in tre atti invece che due.

Lascia un commento